Trattamenti medici

Studio odontoiatrico Pennacchioni - Il tuo Dentista a Bussolengo

Igiene dentale e prevenzione

Presso Studio odontoiatrico Pennacchioni viene data grande importanza all'igiene dentale, essenziale per la salute dei denti e del cavo orale. Mantenere una buona igiene dentale permette di rimuovere i residui alimentari e la placca batterica, prevenendo così la formazione di carie, tartaro, gengiviti, e altre dolorose patologie che compromettono la salute della bocca.

Ma lavarsi i denti non basta. Per curare l’igiene dentale la figura di riferimento resta il dentista: sarà lui a consigliare quale sia lo spazzolino, il dentifricio, ed eventualmente anche il collutorio migliori caso per caso. Potrà dare indicazioni su come effettuare una corretta igiene dentale domiciliare e potrà rilevare quali errori vengono commessi.

Periodicamente è bene inoltre ricorrere ad una seduta di pulizia dentale attraverso la quale il dentista, o l’igienista dentale, rimuove la placca e il tartaro che si sono accumulati nonostante l'igiene dentale quotidiana.

Sbiancamento dentale professionaleIl rilevatore di placca (vedi foto) è un indicatore molto utile per spiegare al paziente quali sono le zone che più difficilmente riesce a pulire. Presso lo studio odontoiatrico Pennacchioni effettuiamo questo passaggio prima di ogni seduta di igiene perché vogliamo sia soprattutto un momento di prevenzione e di indicazioni per un corretto mantenimento di una bocca sana.

Durante le sedute di igiene vi verrà offerta la possibilità di rilassarvi indossando degli speciali occhialini attraverso i quali è possibile vedere filmati divertenti o rilassanti, anche in 3D.


Sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è una procedura che permette di rimuovere le macchie e schiarire i denti migliorandone il colore e donandogli un aspetto brillante.

A influire sulla colorazione dei denti rovinando l’aspetto del sorriso sono il passare del tempo, l’avanzare dell’età, ma anche l’abuso di bevande come te e caffè, o di liquerizia, o ancora di tabacco.

Lo sbiancamento dei denti agisce solo sui denti naturali e comporta l’utilizzo di prodotti contenenti perossido di idrogeno e perossido di carbammide che, a contatto con i denti, liberano ossigeno e disgregano le molecole dei pigmenti responsabili delle brutte macchie giallognole.

Presso i nostri ambulatori vengono utilizzate tecniche di sbiancamento dentale moderne, sicure ed efficaci, prive di effetti dannosi per lo smalto dei denti.

Presso lo studio odontoiatrico Pennacchioni eseguiamo sia sbiancamenti alla poltrona, che mascherine individuali con le quali il paziente esegue il trattamento a casa, sotto la nostra supervisione. In entrambi i casi di fondamentale importanza sono le fotografie prima e dopo l'applicazione, per verificare insieme il risultato ottenuto.

Caso 1
Sbiancamento domiciliare



Caso 2
Sbiancamento dell'incisivo destro, scuro perché devitalizzato, al quale è stato fatto uno sbiancamento interno con successiva sostituzione dell'otturazione.



Odontoiatria conservativa

L’odontoiatria conservativa è quella branca dell’odontoiatria che si occupa principalmente della cura della carie dentale. La sua finalità è quella di mantenere (conservare) in bocca i denti colpiti dalla carie, fratture o altri processi degenerativi o traumatici.

Scopo dell’odontoiatria conservativa è quello di eliminare il tessuto danneggiato per poi ripristinare forma, funzione ed estetica dei denti.

La carie è una malattia che aggredisce smalto, dentina e cemento dei denti causando delle vere e proprie cavità che si espandono dalla superficie esterna fino, nei casi più gravi, ad arrivare alla polpa del dente.

Grazie all’odontoiatria conservativa il dentista rimuove il tessuto cariato, togliendo una parte della dentina e dello smalto interessati dalla carie, e ottura il tutto con dei materiali appositi.

Se la carie invece è più profonda ed interessa anche la polpa del dente, il dentista prima di iniziare il trattamento devitalizzerà il dente malato. Si parla in questo caso di terapia endodontica.

La conservativa spesso viene considerata come "una banale otturazione", ma in realtà dietro c'è molto di più, perché la tecnica per ristabilire una parte di dente compromessa non è così semplice. La struttura del dente infatti è complessa e sopporta carichi masticatori enormi grazie ai tessuti di cui è composta e grazie alla sua forma. Riprodurre la forma di un dente non è facile perché presenta cuspidi, avvallamenti e forme particolari che si riproducono in maniera ottimale solo grazie ad una buona conoscenza anatomica e all'uso di occhialini ingranditori.
Per quanto riguarda i tessuti naturali dei denti, pensate che al giorno d'oggi si stanno ancora studiando materiali e metodi sempre più evoluti per copiare la natura di dentina e smalto. Le vecchie otturazioni in amalgama non rispecchiavano assolutamente i principi fisiologici dei denti, e nel nostro studio eseguiamo ricostruzioni con materiali di ultimissima generazione seguendo precisi protocolli.


Endodonzia

L’endodonzia è la cura delle malattie e delle lesioni dell’endodonto, cioè dello spazio che si trova all’interno del dente e che contiene la polpa dentaria fatta di vasi sanguigni, cellule e nervo del dente.

Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico ambulatoriale che si rende necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente o da un trauma.

L’endodonzia fa sì che questo genere di situazioni siano risolte e che si eviti il propagarsi di infezioni e infiammazioni dentarie che potrebbero causare non solo fastidio, ma anche la creazione di ascessi e la perdita del dente cariato.

Quando il dentista esegue un trattamento endodontico, chiamato anche cura canalare, devitalizzazione o canalizzazione, rimuove la polpa infetta e la sostituisce con un’otturazione fissa.

Una volta effettuato con successo il trattamento endodontico, il dente non sarà più terreno fertile per le infezioni e potrà riprendere la propria funzione masticatoria, con una buona prospettiva di vita.

Quando una carie è molto estesa, può raggiungere la polpa del dente, infettandola. Il paziente se ne accorge perché sente un gran dolore pulsante, soprattutto bevendo cose calde. In questo caso bisogna agire con una terapia d'urgenza, aprendo subito il dente in maniera da rimuovere tutta la polpa malata. In alcuni casi il paziente può anche non accorgersi di nulla, oppure si possono manifestare delle piccole fistole che si risolvono effettuando una buona cura canalare.


Protesi fissa

La protesi fissa è quella parte dell’odontoiatria protesica che si occupa del restauro dei denti gravemente compromessi nella struttura o perduti, mediante applicazione di dispositivi artificiali (corone, capsule, ponti) ancorati stabilmente ai denti residui (pilastri) o ad impianti e che non possono pertanto essere rimossi dalla bocca se non attraverso un intervento specialistico.

Le protesi fisse più comuni sono le corone, i ponti, le faccette dentali e le protesi su impianti.

La corona, anche detta capsula, è una protesi fissa che si applica sul singolo dente malato quando almeno la radice è rimasta intatta.

I ponti dentali sono protesi fisse che sostituiscono uno o più denti sfruttando i denti adiacenti.

Le faccette dentali sono piccole protesi fisse di ceramica che si applicano sui denti rovinati, restituendo loro la corretta funzionalità

Le protesi fisse su impianti servono per sostituire i denti mancanti utilizzando gli impianti al posto delle radici dentali. Attraverso gli impianti il dentista può sostituire denti singoli, realizzare ponti dentali, o addirittura sostituire gli elementi di tutta un’arcata dentaria.


Protesi mobile

Le protesi mobili sono protesi che servono per sostituire parti di arcate dentarie, o anche intere arcate. La loro caratteristica è che possono essere rimosse autonomamente e poi essere riposizionate.

Le protesi mobili vengono realizzate su misura per il paziente da personale tecnico appositamente formato.

Le protesi mobili sono di vario tipo. La protesi mobile parziale è una protesi adatta a sostituire alcuni denti mancanti, quando non è possibile installare una protesi fissa. Oltre alle protesi mobili tradizionali esistono protesi scheletrate, più leggere, estetiche e funzionali, che permettono di raggiungere ottimi risultati

La protesi mobile totale sostituisce invece l'intera arcata dentaria e viene più comunemente chiamata “dentiera”.

Esistono poi le overdenture su impianti: protesi totali agganciate su impianti; sono rimovibili, ma hanno maggiori garanzie di stabilità grazie ai dispositivi di ancoraggio.

La protesi mobile deve essere pulita tutti i giorni per evitare infiammazioni alle mucose e per proteggere i denti rimasti dalla carie e dalla parodontite.


Implantologia dentale

L’implantologia dentale è l’insieme delle tecniche usate dal dentista per sostituire i denti mancanti attraverso delle viti, chiamate impianti inseriti all’interno dell’osso mandibolare o mascellare.

Gli impianti sostengono il singolo dente, gruppi di denti o anche arcate dentali complete, restituendo al paziente il sorriso senza dover coinvolgere i denti naturali che si trovano attorno alla zona da riempire.

Esistono varie tecniche di implantologia dentale, fra le quali ricordiamo l’implantologia dentale a carico immediato caratterizzata dall'applicazione immediata della protesi dentaria. Nei casi in cui non è possibile procedere con l’implantologia dentale a carico immediato è possibile optare per quella a carico differito, dove il dentista per montare le protesi attende un periodo di tempo dall’inserimento delle radici artificiali.

L’implantologia dentale chiamata “all on four” serve invece per la sostituzione di intere arcate dentarie. Si tratta di una tecnica di ultima generazione in cui è possibile protesizzare l’intera arcata con soli 4/6 impianti. Grazie ad un modello virtuale creato al computer, il dentista riesce ad effettuare un’operazione minimamente invasiva che si risolve in una sola seduta.

L'implantologia è la sostituzione di un dente mancante tramite l'inserimento nell'osso di una vite in titanio, alla quale poi verrà applicata la corona del dente. E' una procedura che si fa di routine, ma che ha bisogno di particolare attenzione sia da parte del dentista che del paziente.
Il successo di un impianto infatti è la cosiddetta "osteointegrazione", cioè un'intima unione tra l'osso e l'impianto che avviene se l'ambiente è pulito e libero da colonie batteriche e se la zona nei primi mesi non viene sottoposta a forti carichi masticatori. L'osteointegrazione avviene in media dopo 4-5 mesi.


Parodontologia

La parodontologia si occupa della cura del nostro parodonto, cioè di tutta la zona della bocca che circonda i denti: gengive, ossa, legamenti alveolo-dentari ed alveoli dentali.

La parodontologia quindi serve a prevenire la malattia parodontale, chiamata anche “piorrea”, cioè l’insieme delle infiammazioni che colpiscono i tessuti attorno ai nostri denti.

La causa principale della piorrea è solitamente la cattiva igiene dentale, ma anche un sistema immunitario troppo debole, il diabete mellito e il vizio del fumo.

I sintomi della parodontite purtroppo sono spesso poco chiari e portano i pazienti a rivolgersi al dentista quando l'infiammazione è ad uno stadio piuttosto avanzato. In caso di parodontite acuta o cronica è necessario l’utilizzo di antinfiammatori, antibiotici, una seduta specifica di igiene e controlli costanti, volti a verificare lo sviluppo della parodontite e prevenire eventuali ricadute.

Se i vostri denti sono apparentemente sani ma si muovono, vuol dire che c'è una malattia in corso, provocata da batteri che intaccano la gengiva e l'osso intorno ai denti, che deve essere tempestivamente fermata.
Durante ogni seduta di igiene faremo sondaggi per valutare se sono presenti tasche o se c'è mobilità dei denti. Per arrestare la malattia parodontale sono necessarie sedute specifiche di scaling (pulizia profonda delle radici dei denti) che dovranno essere supportate da una vostra maggior attenzione durante l'igiene orale a casa. La malattia parodontale infatti è dovuta a batteri presenti nel cavo orale perché non ci si lava bene i denti e perché si hanno abitudini di vita sbagliate!


Ortodonzia

L’ortodonzia studia le diverse anomalie della costituzione, sviluppo e posizione dei denti e delle ossa mascellari: denti accavallati, denti disallineati, denti sporgenti, casi di malocclusione, (quando le arcate dentarie si chiudono male), e in generale problemi all’insieme delle strutture che utilizziamo per masticare e deglutire il cibo.

L’ortodonzia ha lo scopo di prevenire, eliminare o attenuare tali anomalie mantenendo o riportando gli organi della masticazione e il profilo facciale nella posizione più corretta possibile, riuscendo ad unire la correzione funzionale alla correzione estetica e facendo tornare al paziente un bel sorriso.

I controlli ortodontici sono importanti sia per i giovanissimi, che hanno ancora i denti in fase di crescita e quindi più facilmente guidabili verso la correzione, che per gli adulti, che possono così evitare il peggioramento delle disarmonie cranio-facciali in atto.

Le terapie utilizzate in ortodonzia possono essere meccaniche, quando si utilizzano apparecchi fissi o mobili o chirurgiche.

L'età consigliabile per una visita ortodontica è intorno ai 6-7 anni, età nella quale possono essere scoperte condizioni che, se trattate subito, sono facilmente correggibili in quanto la struttura ossea è più malleabile.
E' importante sapere che avere i "denti dritti" non è solo un fattore estetico. I denti allineati e ben disposti sulle basi ossee sono normalmente più sani e facilmente pulibili. Inoltre una masticazione errata è strettamente correlata con le patologie della colonna vertebrale e della postura.

Presso lo studio odontoiatrico Pennacchioni, soprattutto se i pazienti sono adulti ed hanno alte esigenze estetiche, è possibile richiedere trattamenti con apparecchio invisibile: delle mascherine trasparenti che vanno portate comunque 24 ore su 24 tranne ai pasti e cambiate ogni 15 giorni.
Non tutti i  casi sono trattabili con questa tipologia di ortodonzia e per questo è necessario prima uno studio accurato del caso, per poter garantire il risultato desiderato.


Pedodonzia

La pedodonzia o odontoiatria pediatrica è il settore dell’odontoiatria che cura i denti dei più piccoli. L’attenzione è rivolta alla prevenzione delle lesioni cariose da parte dell’igienista dentale o dell’odontoiatra: suggerimenti di dieta corretta, applicazioni di fluoro, sigillatura dei solchi, educazione all’igiene orale, individuazione di disgnazie precoci.

La pedodonzia si rivolge ai bambini in età evolutiva, cioè fra i 2 ed i 16 anni, salvaguardando la salute della bocca e dello sviluppo dei denti a partire dai decidui, i così detti denti da latte, che hanno l’importante ruolo di preparare lo spazio per la crescita dei denti permanenti in arrivo.

Ciò che differenzia principalmente il trattamento sul paziente adulto rispetto alla pedodonzia è l’approccio psicologico del dentista. Con i più piccoli infatti è fondamentale un dialogo a tre, dentista-genitori-bambino, che aiuti il piccolo a sentirsi a suo agio e a non sviluppare la classica “paura del dentista”.

Presso lo studio odontoiatrico Pennacchioni ci occupiamo anche di pedodonzia.
Anche i denti da latte vanno curati, perché oltre al dolore che la carie può provocare, la perdita prematura dei denti decidui può causare una cattiva masticazione e digestione. Oltre alla prima visita proponiamo gratuitamente anche un incontro per insegnare al bambino, in maniera giocosa, come ci si lava i denti. Riteniamo che la prevenzione e la consapevolezza del benessere del proprio corpo sia di fondamentale importanza.

A quanti anni fare la prima visita?
Il nostro consiglio è di portare il bambino nello studio il più presto possibile, verso i 4-5 anni, perché possa instaurare una confidenza con l'ambiente e gli strumenti (poltrona, specchietto, aspiratore) vivendolo come un momento di gioco. In questo modo, quando giungerà il tempo di intervenire, lo studio gli risulterà familiare e tutto sarà vissuto in maniera più serena.
Dedicati soprattutto ai più piccoli, sono gli occhialini attraverso i quali possono guardare i loro cartoni animati preferiti. Abbiamo constatato che le Winx e Spongebob fanno spesso l'effetto di un'anestesia!


Radiologia endorale

La radiografia endorale è un esame a scopo diagnostico di alcuni elementi dentali (da uno a tre). Serve a visualizzare in modo specifico l’anatomia del singolo elemento (corona, radice, osso) quando si sospetta una patologia.

Sfruttando la tecnologia di ultima generazione della digitalizzazione dell’immagine si garantisce al paziente la minima dose di radiazioni e un risultato finale ottimale.

Effettuando più radiografie è possibile ottenere un esame endorale completo, in cui il dentista metterà assieme tutte le immagini dei denti ottenendo una ricostruzione totale delle arcate dentarie.

La radiologia endorale è utile soprattutto durante una terapia canalare, durante una terapia paradontale, per verificare la presenza di carie profonde o posizionate in modo non visibile con la normale visita, per controllare lo stato di impianti, ponti o corone.

Presso lo studio odontoiatrico Pennacchioni si effettuano radiografie in formato digitale tramite un sistema ai fosfori.


Rapporto occlusione postura

Esistono strette correlazioni fra la postura e l'articolazione temporo - mandibolare (ATM). Dolori alla schiena, acufeni, sensazioni di vertigine possono essere provocati da una sbagliata occlusione dentaria.
Prima di iniziare un trattamento conservativo e/o protesico è indispensabile valutare curve di compenso, piani della bocca e in generale l'equilibrio posturale del paziente, esaminando alterazioni non solo del distretto cranio mandibolare, ma anche del rachide nel suo insieme.
Tra i fattori che condizionano maggiormente il normale funzionamento dell'equilibrio posturale vi è senza dubbio l'occlusione, e dal momento che l'ATM viene continuamente stimolata durante le più comuni funzioni quali la respirazione, la fonazione, la masticazione dentale, si può causare un lavoro anomalo dei muscoli del collo, con ripercussioni negative sull'equilibrio di tutto il corpo.

Caso di una giovane paziente con click della mandibola in apertura della bocca e dolore.
Dalla prima foto si vede come in apertura la mandibola slitti a destra. Dopo 8 mesi di terapia con bite, l'apertura è simmetrica e meno limitata.

 

La risonanza magnetica, non dannosa per il paziente in quanto non lo sottopone a radiazioni ionizzanti,
è l'unico esame in grado di valutare la posizione del disco articolare

 

Trattamenti dedicati alle mamme in gravidanza

I cambiamenti ormonali possono giocare brutti scherzi alle gengive delle future mamme. Programmi personalizzati possono risolvere questi piccoli inconvenienti.

Prenota una visita


Informativa Privacy

La presente informativa resa all'interessato per il trattamento dei dati personali ("Dati") ai sensi dell'articolo 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n.196, recante il codice in materia di protezione dei dati personali ("Codice Privacy"), disponibile on line alla pagina http://www.garanteprivacy.it, integra quella disponibile alla pagina "Condizioni di utilizzo e privacy" alla quale si rinvia. Ai fini della presente informativa si intende per interessato al trattamento dei Dati la persona fisica (e la relativa struttura di appartenenza) che ha intenzione di inviare un messaggio a [INSEGNA] titolare del trattamento dei Dati (il "Titolare"). Si informa l'interessato che i dati richiesti per l'invio del messaggio a mezzo del form sono facoltativi ma indispensabili per dare corso ad eventuali domande e/o richieste. Il mancato conferimento dei Dati (in particolare, indirizzo di posta elettronica) impedirà di trasmettere il messaggio per via telematica. I Dati saranno trattati dal Titolare esclusivamente in relazione alle finalità espresse dai messaggi ricevuti, quali in via esemplificativa, per rispondere ad eventuali quesiti, per fornire preventivi, per inviare informazioni sull'attività professionale. I Dati saranno conservati per il tempo strettamente necessario per fornire eventuali riscontri agli interessati.I Dati saranno trattati con l'ausilio di strumenti elettronici e con procedure logiche dirette ad ottimizzare il trattamento nel rispetto delle misure di sicurezza previste dal Codice Privacy. In particolare, i dati forniti dall'interessato saranno conservati su una banca dati disponibile su computer locale dal Titolare. Si raccomanda l'interessato di non inviare Dati sensibili (relativi, in via esemplificativa, a salute, convinzioni religiose e opinioni politiche), che saranno in ogni caso immediatamente cancellati in mancanza di una espressa autorizzazione scritta dell'interessato al trattamento da parte del Titolare. L'interessato può rivolgersi al Titolare ai recapiti indicati nella Homepage del sito per esercitare i diritti previsti dal Codice Privacy (articolo 7), e, in particolare, accedere ai Dati, chiederne la rettifica e l'aggiornamento, opporsi per motivi legittimi al trattamento.